E-mail: luca.pedetta@gmail.com

Cell: +39 333 1178950 

P.iva: 03637600549

Copyright 2018 tutti i diritti riservati

Appuntamento

Patologie trattate

Per ogni patologia va valutata la terapia manuale più adatta, confrontandosi con il medico di base o lo specialista che lo segue in quel momento. 

Solo attraverso la comunicazione ed il lavoro in équipe si potranno raggiungere i risultati migliori.

 

Di seguito, alcune delle patologie più comuni trattate con la terapia manuale. 

 

  • Alluce valgo

  • Artrite

  • Artrosi

  • Borsiti

  • Cefalee

  • Cervicalgia

  • Cervicobrachialgia

  • Contratture, strappi e distrazioni muscolari

  • Cruralgia

  • Cuffia dei rotatori

  • Dinsfunzioni ATM (articolazione temporomandibolare)

  • Distorsioni e lussazioni articolari

  • Dito a martello

  • Dito a scatto

  • Dolori Viscerale (verificare sempre l’origine)

  • Double Crush Syndrome 

  • Epicondilite

  • Epitrocleite

  • Ernia del disco

  • Fascite plantare

  • Impingement

  • Instabilità articolari

  • Instabilità rotulea

  • Lombalgia

  • Lombosciatalgia

  • Meralgia

  • Metatarsalgia

  • Neuroma di Morton

  • Periostite

  • Piede piatto

  • Pubalgia

  • Riabilitazione post intervento ortopedico

  • Rieducazione respiratoria

  • Ripristino del ROM articolare

  • Scoliosi

  • Sindrome del piriforme

  • Sindrome dello stretto toracico

  • Sindrome di De Quervain

  • Spalla congelata

  • Spina calcaneare

  • Stipsi 

  • Tendiniti

  • Tendinopatia

  • Tunnel carpale

  • Tunnel tarsale

 

Tecniche utilizzate

 

Le disfunzioni e le patologie possono avere origini multifattoriali, per questo l’approccio multidisciplinare è l’unica soluzione. 

 

Di seguito, le tecniche ed i trattamenti mirati allo scopo.

 

  • Trattamento Fasciale

  • Massoterapia

  • Fisioterapia strumentale 

  • Trattamento cranio-sacrale

  • Esercizi di allungamento dinamico 

  • Tecniche di PNF (Proprioceptive Neuromuscolar Facilitation)

  • Riprogrammazione posturale globale (RPG)

  • Applicazione di taping elastico

  • Tecniche dirette su trigger point

  • Trattamento viscerale

  • Tecniche HVLA 

  • Bendaggio funzionale

  • Studio e valutazione della biomeccanica

  • Metodo FormaPosturale-estetica FP-e®

Il trattamento manuale

Perché, quando e come

Perché

Non tutti sanno che la maggior parte delle algie muscoloscheletriche si può trattare e risolvere manipolandoalcune zone del corpo umano. 

Se applicata da un professionista, la terapia manuale non comporta controindicazioni, ed ha il merito di farti stare subito meglio. 

Ad oggi, grazie agli studi ed agli approcci multidisciplinari, la terapia manuale è riconosciuta non più solo come un’alternativa alla medicina tradizionale, ma come un percorso indispensabile per il ripristino funzionale di tutto l’organismo. 

 

Quando

Le terapie manuali hanno diversi impieghi. Puoi ricorrere all’uso di queste tecniche manipolative sia per il semplice benessere, sia per la prevenzione, sia in caso di patologie muscolo scheletriche. Se applicate con metodo scientifico e con logica, ti danno la possibilità di sentirti subito meglio, di eliminare il dolore o alleviarlo nelle situazioni più difficili, poiché queste tecniche vanno alla ricerca dell’origine del dolore o della disfunzione.

Possono essere impiegate sullo sportivo nella preparazione atletica, per prevenire gli infortuni o migliorare la prestazione; nel post operatorio, per il recupero del ROM articolare (es: protesi di ginocchio o intervento della cuffia dei rotatori); in situazioni infiammatorie, per alleviare qualsiasi dolore di origine muscolo scheletrica (torcicollo, mal di schiena, epicondilite, pubalgie ecc…); o, in assenza di qualunque sintomo, per riequilibrare la postura lavorando in prevenzione, qualsiasi sia l’attività quotidiana o professionale del soggetto trattato. 

Il terapista può anche ricorrere all’ausilio di un bendaggio funzionale nel caso si debba stabilizzare un’articolazione, oppure usare il taping elastico per coadiuvare e prolungare l’effetto del trattamento o drenare la zona interessata (la differenza sta nella tecnica di applicazione), o ancora, utilizzare un apparecchio elettromedicale, nel caso si voglia imprimere una stimolazione più profonda al tessuto interessato.

 

Come

Per prima cosa è necessario rivolgersi ad un professionista onde esporre la problematica e valutare il tipo di trattamento da applicare.

In presenza di patologie, sarà il medico di fiducia a consigliare o prescrivere la terapia manuale e/o elettromedicale più indicata per il tipo di patologia specifica, ed il paziente dovrà esibire tale prescrizione al terapeuta.

Luca Pedetta Massofisioterapista

Logo Luca Pedetta